By Published On: 10/01/2022Categories: LibriTags:

Il 2021 è stato un anno davvero ricco, sia dal punto di vista qualitativo che qualitativo. Tanti libri, tante storie, tanta bellezza che mi ha accompagnata negli scorsi 365 giorni.

Ora è il momento di scrivere un nuovo capitolo, e per il terzo anno di fila inauguro un nuovo post in cui tenere traccia di tutte le mie letture del 2022 (scopri anche le mie letture del 2020 e le mie letture del 2021).

Quest’anno i progetti legati ai libri aumentano, con il mio nuovo profilo TikTok dedicato quasi esclusivamente al tema, e sempre più contenuti anche su Instagram. Tante anche le collaborazioni con alcune delle mie case editrici preferite, un bel riconoscimento che mi permette di veicolare la mia passione più grande di sempre.

Per il 2022 punto a leggere almeno 40 libri, come gli anni precedenti; se possibile, vorrei riuscire ad arrivare a 50. Come sempre sono molto consapevole dei miei gusti e spero che questo mi possa aiutare a scegliere i titoli giusti e immergermi in tante storie indimenticabili.

Non vedo l’ora di scoprire tutte le nuove uscite che ci aspettano nei prossimi mesi… E ora partiamo, che questo nuovo anno di letture abbia inizio!

Ecco cosa trovi in questo articolo

☞ Cosa ho letto a Gennaio

#1 Tutto quello che so sull’amore (Dolly Alderton, Rizzoli)

Dolly Alderton ripercorre i suoi primi trent’anni di vita, dall’infanzia all’età adulta. Un universo popolato dalle figure femminili delle amiche, da qualche fidanzato e dai tanti rapporti occasionali che costellano il suo percorso. Si parla di dipendenze fisiche ed emotive, disturbi alimentari, amicizia, amore, lavoro, ricerca del proprio posto nel mondo, di cosa significa essere donne e millennials. E poi c’è msn, la scuola, le feste, tanta musica, e persino tante ricette. 

Questo libro mi ha fatta sentire capita, confortata, meno sola. Con tutti i suoi problemi e la sua vita incasinata, Dolly è diventata un’amica da abbracciare e non lasciare mai più. Davvero una bella lettura, ne ho particolarmente apprezzato i dialoghi.

Scopri “Tutto quello che so sull’amore” su Amazon (prezzo: €17)

#2 Le cattive (Camila Sosa Villada, SUR)

Vivere la propria vita come se fosse un abominio, conoscendo nient’altro che il rifiuto, il disprezzo e la violenza. Questo è ciò che accomuna tutte le protagoniste di questo libro, donne nate nel corpo di uomo, che sfidano qualsiasi regola sociale per l’aspirazione suprema di essere semplicemente se stesse. Per farlo, sono pronte a rinunciare a tutto. E vivono così, come cagne, trovano la propria forza nel branco, sole sono indifese come bambine.


Ma “essere trans è una festa” dice una delle tante personagge del romanzo: allora onoriamo la loro memoria così, con un libro che è rumoroso, pieno di colori, odori, voci, persone, animali, automobili, strade, che mi ha fatto pensare ai quadri di Frida Kalho con tutta la loro bellezza, il mistero, la gioia e la sofferenza in un’unica grande immagine che è la vita stessa. Una lettura intensa e toccante.

Scopri “Le cattive” su Amazon (prezzo: €16)

#3 Romanzo di un naufragio (Pablo Trincia, Einaudi)

A dieci anni dall’incidente della Costa Concordia, Pablo Trincia ricostruisce l’accaduto con un libro a più voci, che raccoglie le testimonianze dei sopravvissuti e di chi, durante quella tragica notte, ha perso i suoi cari. Testimonianze raccolte, sempre dallo stesso autore, anche nel podcast “Il dito di Dio”, disponibile su Spotify.

Questo libro è stato per me l’inizio di una nuova ossessione e la nascita della voglia di approfondire quanto più possibile la vicenda. Nonostante la scrittura coinvolgente e appassionante, infatti, ho trovato la ricostruzione molto parziale e schierata. Manca una visione super partes della vicenda e, al contrario, si percepisce nettamente il giudizio dell’autore, che ho trovato sì interessante, ma anche “ingombrante” in diversi punti della narrazione.

Scopri “Romanzo di un naufragio” su Amazon (prezzo: €16)

#4 Un amore (Sara Mesa, La Nuova Frontiera)

È un romanzo complesso quello di Sara Mesa, che in meno di 200 pagine costruisce una storia su più livelli. C’è La Escapa, un paesino della Spagna rurale dove Nat si è appena trasferita. C’è la comunità del posto, che la accoglie con apparente normalità, ma che in realtà cela chiusura e diffidenza. E c’è una relazione inaspettata che sfocia in ossessione. Ma l’altro grande tema posto al centro dall’autrice è quello del linguaggio come forma di esclusione. La protagonista, non a caso, è una giovane traduttrice: le parole permeano questa storia, vengono soppesate, sviscerate e scelte con molta cura. 

In questo libro, breve ma ambizioso, trovano spazio silenzi ed equivoci, pregiudizi e incomprensioni, tabù e trasgressioni. Un’inquietudine di fondo accompagna per tutto il tempo della lettura, in un crescendo che ricorda l’andamento di una tragedia greca.

Scopri “Un amore” su Amazon (prezzo: €16)

#5 La casa degli sguardi (Daniele Mencarelli, Mondadori)

Daniele è un giovane poeta che soffre di un disturbo mentale che lo porta a vivere e sentire tutto troppo intensamente. Una condizione che pregiudica la possibilità di vivere una vita normale, e a cui lui reagisce cercando la condizione della “dimenticanza” attraverso droghe e alcol, tantissimo alcol.

La sua vita però cambia quando inizia a lavorare come addetto alle pulizie per una cooperativa legata all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. Qui, dove l’essenza della vita si mostra in tutta la sua brutalità e in squarci di inattesa bellezza, Daniele troverà in modo inaspettato la risposta alla domanda che da sempre lo tormenta: perché, se la sofferenza pare essere l’unica legge che governa il mondo, vale comunque la pena di vivere e provare a costruire qualcosa?


Forse Mencarelli è il mio scrittore preferito, ma lo dico così, quasi sussurrando. Per poi gridare al CAPOLAVORO!

Scopri “La casa degli sguardi” su Amazon (prezzo: €11)

☞ Cosa ho letto a Febbraio