By Published On: 10/01/2023Categories: LibriTags:

Il 2022 si è concluso da pochi giorni ed è arrivato il momento di fare il bilancio di rito.

La prima parte dell’anno è trascorsa un po’ sottotono rispetto alle nuove uscite, motivo per cui ne ho approfittato per recuperare diversi titoli in lista da tempo.

Al contrario, nella seconda parte dell’anno ho avuto l’impressione che uscissero decine di libri interessanti che avrei voluto leggere: non sempre sono riuscita a stare al passo per mancanza di tempo, ma sicuramente li recupererò nei prossimi mesi.

La maggior parte dei libri presenti in questa lista tranne uno, infatti, vengono dalla seconda parte del 2022. Ma, tolto questo dettaglio, è stato un anno di bei libri.

In particolare, ce ne sono un paio che mi resteranno nel cuore a lungo, e sono rispettivamente il primo e il secondo di questa lista: per motivi molto diversi, ma sono stati entrambi letture memorabili.

Questa è una lista un po’ anarchica, che non risponde ad alcun criterio particolare: perché 4 libri e non 3 o 5? Di base avrei scelto 3 romanzi, ma il mio libro preferito in assoluto è stato un saggio. E quindi ho scelto 1 saggio e 3 romanzi, per un totale di 4.

L’anno scorso ho letto anche della bella poesia, ma è un discorso a parte che lascio fuori da questa classifica.

Qui a seguire le mie scelte, bellissime letture da recuperare, regalare o auto-regalarsi, se vi fidate del mio giudizio di lettrice, non ve ne pentirete!

Leggi anche: LE MIE LETTURE DEL 2022

Isole dell’abbandono. Vita nel paesaggio post-umano (Cal Flyn, Blu Atlantide)

Riusciremo a salvare la Terra o finiremo con il distruggerla? La natura, che ci stupisce sempre, avrà la forza di rialzarsi davanti a tutte le offese subite? E comunque vada, qual è il nostro ruolo in questo processo?

Queste sono solo alcune delle domande che Cal Flyn, autrice scozzese, pone nel suo saggio “Isole dell’abbandono. Vita nel paesaggio post-umano”, a tutti gli effetti il libro più bello letto nel corso del mio 2022.

Le sue isole dell’abbandono – luoghi sparsi per tutto il globo in cui queste domande trovano le risposte più diverse – sono il punto di partenza per una riflessione che trascende lo spazio e il tempo.

Un reportage straordinario che ci mette davanti ai peggiori disastri ecologici di tutti i tempi e insieme ci restituisce l’immagine di una natura indomita, libera di svilupparsi lontana dalla presenza distruttiva e ingombrante dell’uomo.

Leggi la recensione completa QUI.

Scopri “Isole dell’abbandono” su Amazon (prezzo: €18)

I nomi propri (Marta Jiménez Serrano, Giulio Perrone Editore)

Subito dopo aver finito questo libro – anzi, ancora mentre lo leggevo – ho avuto chiaro che sarebbe stato il mio romanzo preferito del 2022. Belaundia Fu è la migliore amica di Marta a sette anni, ed è lei la voce narrante di tutto il libro, o quasi.

Una narrazione in seconda persona singolare non è solo molto particolare, ma inizialmente anche respingente: non nego che ad entrare nel libro ci è voluto un po’, ma poi è diventato impossibile staccarsene.

Al centro della storia, la relazione della protagonista con la nonna, dagli anni dell’infanzia all’età adulta, fino alla soglia dei trent’anni. Un rapporto fatto di ricordi e momenti estremamente teneri e toccanti, con la figura della nonna che sa essere amore, guida, riferimento, e infine capacità di nominare il mondo e riempirlo di significato.

Un libro bellissimo e toccante sull’imparare a lasciare andare, sul crescere, sull’accettare il cambiamento e sopravvivere al dolore. Mi è rimasto nel cuore.


Scopri “I nomi propri” su Amazon (prezzo: €19)

“Niente di vero” (Veronica Raimo, Einaudi)

Veronica Raimo riesce nella difficilissima impresa di scrivere un libro intelligente ma che faccia ridere di gusto, e lo fa grazie a un’ironia dissacrante e paradossale (proprio come direbbe il personaggio del padre “siamo arrivati al paradosso”).

L’autrice sceglie di “lavare i panni sporchi” pubblicamente, racconta della sua infanzia e adolescenza all’interno di una famiglia non proprio funzionale, tra un padre ossessionato dal costruire muri, una madre troppo apprensiva e invadente e un fratello geniale che la mette in ombra, liberandola, al tempo stesso, da quella responsabilità di essere una figlia perfetta. 

Un romanzo brillante che riflette sul valore stesso del ricordo come forza attiva e creatrice, in grado di riscrivere interamente la versione di una storia condivisa. Veronica scrive per esorcizzare i traumi del suo passato, scrive perché è l’unica strada possibile. E lo fa con grande ironia, quella di chi non si prende troppo sul serio ed è capace di ridere anche dei propri fallimenti

Un romanzo brillante che riflette sul valore stesso del ricordo come forza attiva e creatrice, in grado di riscrivere interamente la versione di una storia condivisa. Veronica scrive per esorcizzare i traumi del suo passato, scrive perché è l’unica strada possibile. E lo fa con grande ironia, quella di chi non si prende troppo sul serio ed è capace di ridere anche dei propri fallimenti

Scopri “Niente di vero” su Amazon (prezzo: €17)

Ti seguo (Sheena Patel, Blu Atlantide)

Ho conosciuto Sheena Patel durante un evento a Roma e, nonostante sia una ragazza carinissima e sorridente, ha scritto un libro ferocissimo in grado di prenderti a schiaffi in faccia dalla prima all’ultima pagina.

“Ti seguo” è un romanzo straordinario, innovativo e potente: critica sociale, femminismo intersezionale, relazioni tossiche e disturbi ossessivo compulsivi si fondono in una storia di poco più di 200 pagine dai cui sarà difficile staccarsi e impossibile non identificarsi.

La protagonista si innamora di un uomo più grande di lei, ricco, famoso, sposato e con tutta una serie di relazioni parallele messe in piedi per alimentare il proprio ego narcisistico. Lei cade ben presto nella sua trappola, ritrovandosi letteralmente ossessionata da lui e dalle altre donne della sua vita.

Ho amato molto questo libro e l’ho trovato assolutamente geniale, senza dubbio tra le letture più belle del mio 2022.


Scopri “Ti seguo” su Amazon (prezzo: €17)

Le letture più belle del mio 2022: Conclusioni

Questi sono stati i libri più belli del mio 2022, o comunque quelli che maggiormente mi sono rimasti impressi per motivi legati alla trama o allo stile, o entrambi.

A dire il vero – a parte la prima e la seconda posizione di questa modestissima classifica – non è stato facile scegliere, perché anche lo scorso anno si è rivelato pieno di libri imperdibili da leggere, consigliare, regalare.

Motivo per cui alla fine ho scelto come sempre di pancia, in base alle parole e alle immagini che più mi erano rimaste impresse.

Se volete recuperare la lista completa dei libri che ho letto nel 2022, li trovate tutti in un altro post: 44 titoli di vario genere accompagnati da una breve recensione.

Per il resto, non vedo l’ora di iniziare questo 2023 di letture e scoprire quali nuove uscite ci aspettano nel corso dei prossimi mesi!

Intanto fatemi sapere se avete letto qualcuno dei libri di cui vi ho parlato in questo post e soprattutto fatemi sapere quali sono stati i vostri libri preferiti dello scorso anno!

Ti potrebbe interessare anche