Da quando il mio percorso con la Bikini body guide 1.0 è finito, è passato un po’ di tempo. Oggi che vi scrivo, in realtà sono già alla week 18 della bbg 2.0.
Sì perché come la maggior parte di voi saprà già, esiste anche il continuo della miracolosa guida di Kayla Itsines, una piccola Bibbia da seguire alla lettera per 12 settimane per vedere cambiamenti veramente eccezionali sul proprio corpo. Niente di regalato, sia chiaro…Solo tanto impegno, tanta fatica e tanta soddisfazione.
Dopo aver ottenuto io stessa risultati sorprendenti dalle prime 12 settimane di allenamento (guarda i miei risultati), ho deciso di ripartire alla grande per il secondo traguardo, quello delle 24 settimane.
Rimanere sempre motivata e col morale alto non è semplice, ma ci provo. Allenandomi 4/5 giorni a settimana, la voglia non deve mai mancare, bisogna trovare stimoli sempre nuovi, esempi da seguire, obiettivi da raggiungere.

E allora, nel post di oggi vi racconto cosa e come è cambiato nel mio passaggio dalla bbg 1.0 alla bbg 2.0.

federica-orlandi-bikini-body-guide-2-risultati-settimane-13-16

COSA CAMBIA TRA LA BBG 1.0 E LA BBG 2.0?
La bbg 1.0 svolge un lavoro prettamente aerobico, ideale per smaltire i chili di troppo e/o tonificare per chi parte già da un peso forma. Si lavora prettamente in velocità, con pesi leggeri e movimenti fluidi da fare il maggior numero di volte possibile nell’arco del tempo dato.
La bbg 2.0 invece lavora su battiti inferiori, con esercizi più lenti, complessi e soprattutto con un carico maggiore di pesi. I movimenti vanno eseguiti con precisione (quando si lavora con il bilanciere per esempio si deve prestare molta attenzione a ginocchia e schiena), il lavoro è rivolto soprattutto a definire e incrementare leggermente la massa muscolare (non eccessivamente, si lavora con 10-15 chili).

Leggi anche: BIKINI BODY GUIDE: LE DIFFERENZE TRA GUIDA GRATUITA, BBG 1.0 E BBG 2.0

federica-orlandi-bikini-body-guide-2-risultati-settimane-13-16-2

RISULTATI
Dopo i risultati raggiunti con la bbg 1.0, il mio intento non era quello di perdere ulteriore peso. Fianchi, gambe, glutei, pancia…Tutto il mio corpo era stato completamente ridisegnato, il grasso in eccesso andato, ora restava da lavorare su definizione e massa muscolare.
Dalla fine della prima guida a oggi, sono rimasta stabile dal punto di vista dei centimetri, senza perdere né guadagnare nulla; ho invece ripreso un chilo. Muscoli? Non saprei, è una variazione talmente minima che non ho notato se è un ingrassamento o un ingrossamento.

Peso: 57 kg x 1,68 m
Fianchi: 93 cm
Vita: 64,5
Cosce:  54,5 cm

Nonostante questo io posso dirmi soddisfatta e motivata, perché finalmente vedo il mio corpo snello, i fianchi proporzionati alle spalle, le cosce asciutte e muscolose, l’addome definito, il lato B alto e sodo. Sono in forma come non sono mai stata e non ho nessuna fretta di raggiungere tutto e subito…Ho tempo e voglia di fare, apprezzerò i frutti del mio lavoro con calma durante i prossimi mesi.
Per il futuro, sto cercando di concentrarmi sulla parte superiore del corpo, nella speranza di mettere un po’ di spessore muscolare sul petto per coprire le costole in evidenza (date proprio dalla mia conformazione a pera e non da un problema di peso).

federica-orlandi-bikini-body-guide-2-risultati-settimane-13-16-5

federica-orlandi-bikini-body-guide-2-risultati-settimane-13-16-6

ALIMENTAZIONE
Vi ho già parlato approfonditamente della mia alimentazione in QUESTO POST. Le regole generali sono sempre valide e il lavoro più grande che ho fatto in questi ultimi mesi è stato senza dubbio quello di imparare nuovamente a mangiare, perché non basta una dieta limitata in un dato periodo di tempo…Bisogna pensare a lungo termine, a cosa ci aspetta dopo l’eventuale dimagrimento. Mangiare in modo sano deve essere una scelta di vita costante, che non prevede sacrifici e non esclude nulla dalla nostra alimentazione (in termini di apporti nutrizionali).
Di sicuro i primi 3 mesi del mio percorso sono stati più ferrei anche da questo punto di vista: essendo all’inizio, non potevo rischiare di cedere a troppe tentazioni, che di sicuro mi avrebbero ricondotta sulla cattiva strada. Il cambiamento era troppo fresco e recente per essere sicura di non ricadere in certe dipendenze. Ora, invece, a distanza di 5 mesi, mi sento un po’ più certa e per questo anche più libera nelle mie scelte. Ho provato a me stessa che posso farcela, che sono in grado di gestire la mia alimentazione e che molte “necessità” di un tempo erano solo dipendenze dettate da un organismo avvelenato da schifezze.
Avendo finalmente perso una quantità modesta di chili e raggiunto un aspetto che mi soddisfa, nell’ultimo mese posso dire di essermi rilassata un po’ di più anche dal punto di vista alimentare. Non mangio mai schifezze intese come “junk foof” vero e proprio (NO a Mc Donald’s, snack confezionati, condimenti pesanti…), ma sicuramente non limito i miei “sgarri” a un unico giorno a settimana. A volte mi capita di fare pasti più sostanziosi (pizza, pasta, sushi…) senza per questo sentirmi in colpa o in paranoia (non che io mi ci sia mai sentita neanche prima, comunque). Quando sento che sono vicina al limite, ascolto il mio corpo e mi fermo. Evito le abbuffate, non peso nulla ma tengo d’occhio le quantità di cibo che mangio, anche quando mi gusto qualcosa che mi piace particolarmente.
Penso sempre a come mi sentivo prima, a quanto quel modo di vivere e mangiare mi rendesse infelice e insana: ho cambiato approccio mentale e cerco in tutti i modi di portare avanti questa decisione.
Una cosa è cambiata, e di molto: ci pensavo proprio oggi. E’ cambiato il mio concetto di “sgarro”! Ora, quando ho voglia di qualcosa di dolce, non mangio un cucchiaino di nutella, ma un quadratino di cioccolata fondente; quando mi va una merenda golosa, non mangio una merendina, ma mi preparo dei muffin alla frutta; quando la domenica mattina mi sogno un dolce risveglio, non prendo un cornetto ma faccio dei pancakes vegani.
Cosa vuol dire tutto ciò? Sicuramente impiegare un po’ più di tempo nella cura di se stessi, ma vi assicuro che è tempo ben speso e vale la pena di trovarlo con un minimo di sforzo!
Mangiare cibi cucinati è infinitamente meglio del mangiare qualsiasi tipo di cibo confezionato, per quanto “sano” e “bio” possa essere…Quindi forza, non vi resta che mettervi ai fornelli! :)

SCOPRITE LE MIE RICETTE FACILI, VELOCI E SANE!

federica-orlandi-bikini-body-guide-2-risultati-settimane-13-16-1

federica-orlandi-bikini-body-guide-2-risultati-settimane-13-16-3

QUANTO E COME MI ALLENO?
Il primo mese di bbg 2.0 (settimane 13-16) prevede un impegno di 4 giorni  a settimana, considerando che LISS e HIIT possono essere riuniti in un unico allenamento. Nel corso delle singole sessioni di allenamento, però, i 28 minuti di workout non mi appagano più e ho sentito il bisogno di aggiungere altro per sentirmi veramente soddisfatta del lavoro svolto dal punto di vista della fatica. Già dalla 10° settimana di bbg 1.0 avevo aggiunto una serie di esercizi specifici per gambe e glutei, il punto del mio corpo che volevo ulteriormente definire.
Attualmente mi alleno per circa 1 ora e 15 minuti a sessione:


  •  quando faccio circuito, aggiungo anche: 10 minuti di camminata iniziali e 10 finali sul tapis roulant; qualche minuto di corda a piacere; un mini circuito di esercizi che vadano a lavorare sulle parti escluse dal circuito (quindi, per esempio, il giorno di gambe aggiungo un mini circuito con 2 esercizi per le braccia e 2 per gli addominali, con 15/20 ripetizioni da fare 3 volte);
  • quando faccio LISS e HIIT, solitamente aggiungo gli esercizi per le gambe della squat challenge di cui vi ho parlato QUI;
  • a fine di ogni allenamento, aggiungo una sessione completa di stretching.

federica-orlandi-bikini-body-guide-2-risultati-settimane-13-16-8

federica-orlandi-bikini-body-guide-2-risultati-settimane-13-16-7

HO MAI PENSATO DI MOLLARE?
No! Non voglio assolutamente mollare, non ne avrei motivo e soprattutto non voglio tornare a sentirmi come mi sentivo la scorsa primavera. Stanca, spossata, priva di energie, con un corpo più vecchio della mia età…No, di certo non voglio fare un passo indietro. Voglio combattere per ciò che mi rende felice, e in questo momento la mia priorità è stare bene con me stessa, apprezzarmi dentro e fuori.
Ancora una volta, non sto qui a dirvi che non mi sono posta chissà quali ferrei obiettivi…Continuo per la mia strada, allenandomi costantemente e con rinnovato impegno. Cosa mi aspetta potremo dirlo solo in futuro, ma mi diverto talmente tanto che per ora mi importa solo di continuare così.
E poi questa avventura mi sta regalando talmente tante e grandi soddisfazioni anche a livello lavorativo che non posso che essere spronata a fare del mio meglio e con tutto il cuore! :)

Per concludere questo post, non c’è migliore augurio che possa farvi se non questo: LOTTATE PER CIO’ CHE VI RENDE FELICI!

federica-orlandi-bikini-body-guide-2-risultati-settimane-13-16-4

 

Vuoi maggiori informazioni sulla BIKINI BODY GUIDE di KAYLA ITSINES? Trovi tutto quel che c’è da sapere QUI

Guarda I MIEI RISULTATI con la BBG 1.0 nelle SETTIMANE 0-12.

Scopri come MANGIARE IN MODO SANO e tante RICETTE LIGHT nella categoria FOOD.

SEGUIMI SU INSTAGRAM PER CONDIVIDERE L’ALLENAMENTO INSIEME! Cercami, sono @fedelefreaks!

Ti potrebbe interessare anche