By Published On: 17/12/2020Categories: ViaggiTags: ,
Come organizzare un viaggio in camper

Per molte persone l’idea del viaggio in camper è sinonimo di libertà e avventura. Partire senza una meta precisa, lasciarsi ispirare dalla strada, avere la propria casa su quattro ruote.

Senza contare che la scelta di viaggiare in camper abbatte molti costi legati al viaggio stesso, come l’alloggio che può essere molto dispendioso, soprattutto in alta stagione, e i pasti fuori.

Il camper, invece, presenta una semplice soluzione a tutte le necessità: può essere sfruttato per dormire, per cucinare e ovviamente anche per spostarsi.

Viaggiare in camper: cosa devi sapere

Se la vostra idea di viaggio in the road sta ancora prendendo forma, probabilmente vi starete chiedendo: da dove iniziare e come organizzare un perfetto viaggio in camper? Vediamo insieme tutto quello che c’è da sapere!

Noleggiare il camper

Se non avete un camper di proprietà, la soluzione più semplice è noleggiarne uno.

I costi variano molto a seconda della stagione di riferimento, è generalmente in piena estate saranno più alti che nel resto dell’anno.

Esistono siti specializzati per il noleggio camper a Roma e in altre parti d’Italia, che possono aiutare ad avere una garanzia sulla transazione e sullo stato ottimale del mezzo noleggiato.

Ad ogni modo, prima di procedere, è consigliabile raccogliere il maggior numero di informazioni possibili, soprattutto se si tratta di una prima esperienza!

Questo può aiutarvi a definire meglio di che tipo di mezzo avete bisogno, quali distanze dovrete percorrere, come gestire le soste nelle aree attrezzate e così via.


Le aree di sosta

Quando si viaggia in camper, è bene sapere che la sosta non è consentita ovunque: sul territorio ci sono delle aree attrezzate appositamente riservate.

Qui sarà possibile usufruire del parcheggio, un sistema di fognatura per lo scarico delle fosse biologiche dei camper, bagni e docce comuni, oltre che altri servizi e aree comuni in cui socializzare con gli altri viaggiatori.

Le aree di sosta hanno generalmente dei costi contenuti, che permettono di affrontare il viaggio in camper con un budget accessibile.

All’interno della vostra “casa sulle ruote” troverete tutto ciò di cui avete bisogno per un viaggio emozionante e avventuroso, che sia in località di mare o di montagna.

Mangiare in camper

Un altro vantaggio del camper, è che vi consente di tagliare le spese dei pasti e avere una pratica cucina sempre con voi.

Basterà organizzarsi facendo la spesa per tempo e tenere a portata di mano tutti i generi alimentari di prima necessità.

Andare a mangiare fuori non sarà una scelta obbligata e potrebbe gestire liberamente i vostri ritmi e le vostre uscite.

Per i pasti da viaggio ovviamente è consigliabile prediligere ricette semplici e pratiche da realizzare: se è estate, ad esempio, insalate fresche con mais, pomodorini e mozzarella o feta greca sono l’ideale.

Se invece volete mettervi ai fornelli, si va dall’immancabile piatto di pasta (come la pasta fredda, da conservare anche per il giorno dopo volendo) a ricette più nutrienti per cui occorre impiegare qualche pentola in più.

Pianificare il viaggio in camper

Dopo aver noleggiato il proprio mezzo e aver definito tutti i dettagli tecnici, la pianificazione di un viaggio in camper è sicuramente la parte più importante del viaggio stesso.


Dove andare? Cosa vedere? In quali aree attrezzate sostare e per quanto tempo? Calcolare tempi e modi di spostamento è molto importante affinché tutto fili liscio in un viaggio on the road.

Con un po’ di spazio all’improvvisazione dell’ultimo minuto, alla deviazione non prevista, alla strada sbagliata…

Per raccogliere tutte le informazioni utili poi vi consiglio di fare riferimento ai siti ufficiali dell’ente del turismo locale, su cui troverete risposta a gran parte delle vostre domande.

Inoltre ci sono siti di guide specifiche per camperisti e non solo che potrebbero esservi molto utili. Eccone alcune:

Inoltre possono venire in vostro aiuto diverse app molto utili: Google Maps per impostare le rotte, CoPilot per calcolare l’itinerario in base alle effettive dimensione del camper, Caramaps che offre indicazioni dal campeggio all’area sosta, dal parcheggio al benzinaio, Park4night per trovare luoghi dove sostare in libera.

Viaggio in camper: Conclusioni

Viaggiare in camper non è solo un’esperienza, ma anche un’attitudine che dipende da che tipo di viaggiatori siamo.

Come abbiamo visto, il camper è uno stile di vita che richiede predisposizione all’adattamento, qualche rinuncia alla comodità della camera d’albergo, ma anche il saper apprezzare la libertà che ne deriva.

Partire per un viaggio on the road di questo tipo, che sia in Italia o all’estero, comporta una certa organizzazione: dal noleggio del camper se non se ne possiede uno alla pianificazione dell’itinerario.

Una volta che avrete definito tutti questi dettagli sarete pronti a partire per la vostra avventura su quattro ruote!

Ti potrebbe interessare anche