fbpx

Tipi di pasta: tutti quelli che esistono, la guida definitiva

veronica-giache-nutrizionista-dietista-roma

Quanto è buona la pasta? Noi italiani lo sappiamo bene e non potremmo vivere mai senza. Ma quanti tipi di pasta esistono?

Tantissimi, tutti diversi e con diverse proprietà nutrizionali. Per questo oggi ho pensato di scrivere un articolo su questo argomento, affrontando tutti gli aspetti legati ai tipi di pasta esistenti sul mercato con una guida completa e dettagliata.

Innanzi tutto, la pasta è un alimento composto prevalentemente da carboidrati complessi, poche proteine e pochi grassi ed è un prodotto che si ottiene dalla lavorazione di diverse farine di cereali e legumi.

Quali? Nell’odierna industria alimentare, considerando anche i prodotti biologici, esistono diversi tipi di pasta ottenuti con molti tipi di farina sia raffinata che integrale. Qui di seguito faremo un rapido excursus per scoprire insieme quali sono.

Leggi anche: [I CARBOIDRATI FANNO INGRASSARE? TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE]

tipi di pasta

Tipi di pasta: quanti ne esistono?

Pronti a iniziare? Ecco la guida completa di tutti i tipi di pasta:

Tipi di pasta: PASTA DI SEMOLA DI GRANO DURO

È la comune pasta secca che, secondo la tradizione italiana, è ottenuta miscelando solamente semola di grano duro e acqua. La qualità è determinata dalla tipologia di grano, da una trafilatura al bronzo che la rende ruvida (adatta ad assorbire i condimenti), infine da un lento essiccamento.

Digeribilità: Normale
Adatta ai celiaci: No
Gusto: Neutra e adatta a tutte le ricette
Valori nutrizionali per 100 g: Calorie: 342 kcal – Grassi 1,71 g – Carboidrati 75,9 g – Proteine 11,31 g – Fibre 12,2 g

Tipi di pasta: PASTA DI GRANO KHOROSAN KAMUT®

Il termine “kamut” non indica, come qualcuno crede, il nome del grano utilizzato, bensì il nome di un marchio registrato da una società statunitense del Montana, la Kamut International. È un grano rosso khorasan, originario dell’Iran che attualmente viene prodotto negli USA e nel Canada con metodo biologico ed è “puro” ovvero non è mai stato ibridato. La pasta che si fregia del marchio KAMUT® è sottoposta a un rigido disciplinare: utilizzo di solo grano khorasan fornito dall’azienda, controlli sulle fasi di macinazione e trasformazione. Rispetto alla pasta di grano comune contiene più aminoacidi e più vitamina E, inoltre è più ricca di selenio.

  • Digeribilità: Alta, protegge le mucose gastriche
  • Adatta ai celiaci: No
  • Gusto: Deciso, che ricorda quello della nocciola, ma più delicato rispetto alla pasta integrale. Perfetta per abbinamenti con sughi saporiti e strutturati
  • Valori nutrizionali per 100 g: Calorie 348 kcal – Grassi 1,3 g – Carboidrati 68,7 g – Proteine 13,5 g – Fibre 3,6 g

Tipi di pasta: PASTA DI FARRO

Ottenuta dalla farina del farro, un cereale simile al frumento per le proprietà nutritive ma con un guscio esterno più rigido che permette al chicco di sopportare meglio gli attacchi di agenti inquinanti e insetti. È ricca di proteine, aminoacidi, vitamine e minerali ed è la meno calorica in assoluto. Possiede un contenuto di fibre dieci volte superiore alla comune pasta di grano ed è facilmente digeribile.

  • Digeribilità: Alta, aiuta a mantenere attivo l’apparato digerente evitando intolleranze e gonfiori
  • Adatta ai celiaci: No
  • Gusto: Leggermente dolce e adatta a sughi con verdure e senza pomodoro, come il pesto
  • Valori nutrizionali per 100 g: Calorie 335 kcal – Grassi 2,5 g – Carboidrati 67,1 g – Proteine 15,1 g – Fibre 6,8 g

Tipi di pasta: PASTA DI MAIS

Prodotta usando farina di mais, ha un colore più intenso tendente all’ocra dovuto alla presenza di B-Carotene nella materia prima. Ha una maggiore consistenza rispetto a quella di grano. Si caratterizza principalmente per l’assenza di glutine e un basso tenore in grassi.

  • Digeribilità: Alta
  • Adatta ai celiaci: Sì
  • Gusto: Si percepisce il sapore di mais, ma può essere usata per la maggior parte delle ricette
  • Valori nutrizionali per 100 g: Calorie 357 kcal – Grassi 2,8 g – Carboidrati 79,26 g – Proteine 7,46 g – Fibre 11 g

Tipi di pasta: PASTA DI RISO

Tecnicamente si tratta di pasta realizzata con farina di riso e ha quindi le caratteristiche tipiche di questo alimento. Contiene più amido ed è più saziante della pasta tradizionale. Non contiene glutine e tra tutti i cereali, il riso è caratterizzato dal minor potenziale allergenico. In commercio si trovano anche paste che mischiano sia farina di riso che farina di mais, per ottenere un sapore più simile a quello della pasta tradizionale.

  • Digeribilità: Buona
  • Adatta ai celiaci: Sì
  • Gusto: sapore più neutro, come quello del riso, meglio se accompagnata da sughi e condimenti dai sapori decisi per bilanciare
  • Valori nutrizionali per 100 g: Calorie 364 kcal – Grassi 0,56 g – Carboidrati 83,24 g – Proteine 3,44 g – Fibra 1,6 g

Tipi di pasta: PASTA DI GRANO SARACENO

Nonostante sia identificato come un cereale (Graminacee), in realtà il grano saraceno fa parte della famiglia delle Polygonaceae (la stessa del rabarbaro). Il grano saraceno è ricchissimo di vitamine del gruppo B, E, P nonché di sali minerali (calcio, fosforo, magnesio, rame) e amminoacidi scarsi nei cereali (lisina e triptofano). Anche se il grano saraceno è privo di glutine (e quindi adatto ai celiaci) è però anche un potente allergene in grado di indurre reazioni severe in pazienti sensibili.

  • Digeribilità: Buona, aiuta a contrastare i gonfiori addominali
  • Adatta ai celiaci: Sì
  • Gusto: Sapore leggermente amarognolo da bilanciare con sughi decisi o tendenti al dolce
  • Valori nutrizionali per 100 g: Calorie 347 kcal – Grassi 2,1 g – Carboidrati 73,6 g – Proteine 8,4 g – Fibra 1,6 g

Tipi di pasta: PASTA DI SEGALE

Molto diffusa nell’Europa centrale , la segale è povera di amidi, quindi adatta nelle diete dimagranti. La segale è soprattutto un ottimo cereale con proprietà protettive per il sistema cardio-vascolare, per l’intestino, nella prevenzione dell’invecchiamento e per la salute della pelle, infatti, rende il sangue fluido e combatte l’arteriosclerosi; favorisce la peristalsi intestinale ed aumenta la potenza muscolare.

  • Digeribilità: Normale
  • Adatta ai celiaci: No
  • Gusto: Neutra e adatta a tutte le ricette
  • Valori nutrizionali per 100 g: Calorie: 342 kcal – Grassi 2,5 g – Carboidrati 68 g – Proteine 16 g – Fibre 15 g

Tipi di pasta: PASTA DI ORZO

Molto digeribile, con proprietà antinfiammatorie, l’orzo è considerato un alimento importante per chi deve mantenere attive memoria, concentrazione e per il sistema nervoso in generale, grazie ai suoi zuccheri complessi ed alla presenza di silicio e fosforo. Ricco di magnesio, calcio ed altri minerali, l’orzo ha anche proprietà rinfrescanti, toniche e diuretiche.

  • Digeribilità: Alta
  • Adatta ai celiaci: No
  • Gusto: leggermente dolciastro
  • Valori nutrizionali per 100 g: Calorie: 354 kcal – Grassi 2,3 g – Carboidrati 73 g – Proteine 12 g – Fibre 17 g

tipi di pasta

Tipi di pasta: PASTA DI MIGLIO

Il miglio è ricco di ferro, magnesio e vitamine del gruppo B; secondo alcuni autori sarebbe capace di proteggere i denti e la pelle e svolgere azione rivitalizzante sugli annessi cutanei (unghie, capelli). Il miglio è un cereale privo di glutine ed ha un effetto alcalinizzante.

  • Digeribilità: Normale
  • Adatta ai celiaci: Sì
  • Gusto: Neutra e adatta a tutte le ricette
  • Valori nutrizionali per 100 g: Calorie: 356 kcal – Grassi 3,9 g – Carboidrati 79,2 g – Proteine 11,8 g – Fibre 3,2 g

Tipi di pasta: PASTA DI QUINOA

La quinoa ha molti vantaggi: è nutriente e molto digeribile, cuoce in pochissimo tempo, contiene molte proteine (14%), è ricca di calcio (ne contiene in proporzione più del latte) e di lisina, un amminoacido essenziale, carente nella maggior parte dei cereali. La quinoa è il cereale con il maggior contenuto di lisina. Per il suo alto contenuto di calcio è adatta a combattere l’osteoporosi, quindi preziosa durante la menopausa, ma è preziosa in tutte le fasi del ciclo vitale, dalla prima infanzia alla vecchiai, negli stati carenziali e di convalescenza. La pasta di quinoa, senza glutine, è prodotta a partire dalla farina di quinoa eventualmente con l’aggiunta di altre farine gluten-free come la farina di riso e la farina di mais.

  • Digeribilità: Alta
  • Adatta ai celiaci: Sì
  • Gusto: Neutra e adatta a tutte le ricette
  • Valori nutrizionali per 100 g: Calorie: 347,5 kcal – Grassi 5,61 g – Carboidrati 77,16 g – Proteine 8 g – Fibre 7,0 g

Tipi di pasta: PASTA DI AVENA

Oltre a contenere molta lisina (rispetto agli altri cereali), l’amminoacido essenziale che abbiamo imparato a conoscere, l’avena è un cereale riequilibrante consigliato anche alle persone metereopatiche, che accusano disturbi psicosomatici (come gastrite, colite, insonnia) quando il clima è instabile o nei cambi di stagione. L’avena ha inoltre proprietà diuretiche.

  • Digeribilità: Normale
  • Adatta ai celiaci: ? (consultare il Registro Nazionale del Ministero della Salute a causa della miscela con altre farine in ambito industriale)
  • Gusto: Neutra e adatta a tutte le ricette
  • Valori nutrizionali per 100 g: Calorie: 389 kcal – Grassi 7,0 g – Carboidrati 66,6 g – Proteine 17,4 g – Fibre 11,2 g

Tipi di pasta: PASTA DI AMARANTO

La pasta di amaranto è prodotta solo con acqua e con farina integrale di amaranto biologica. Viene essiccata a basse temperature per conservare i benefici nutritivi e le proprietà dell’amaranto. E’ ricca di proteine con un alto contenuto di lisina; è inoltre priva di glutine e ricca di minerali come il calcio, il magnesio ed il ferro.

  • Digeribilità: Alta, ideale nelle convalescenze, dopo le influenze gastrointestinali e in caso di colite e gastrite
  • Adatta ai celiaci: Sì
  • Gusto: Neutra e adatta a tutte le ricette
  • Valori nutrizionali per 100 g: Calorie: 321 kcal – Grassi 3,61 g – Carboidrati 51,9 g – Proteine 14,5 g – Fibre 2,2 g

Tipi di pasta: PASTA DI LENTICCHIE

Anche la pasta di lenticchie è un alimento adatto a chi segue una dieta senza glutine. Infatti è preparata esclusivamente con farina di lenticchie, senza l’aggiunta della farina di grano. E’ una pasta ricca di fibre e di proteine.

Troverete in vendita, oltre alla pasta di lenticchie rosse, la pasta di lenticchie nere e di lenticchie verdi.

  • Digeribilità: Normale
  • Adatta ai celiaci: Sì
  • Valori nutrizionali per 100 g (lenticchie rosse): Calorie: 334 kcal – Grassi 2,2 g – Carboidrati 48,4 g – Proteine 25,0 g – Fibre 10,8 g

Tipi di pasta: PASTA DI PISELLI VERDI

La pasta di piselli verdi viene prodotta utilizzando soltanto la farina di piselli che essendo ottenuta dai legumi è naturalmente priva di glutine. La pasta di piselli verdi ha un tempo di cottura molto breve, pari a solo 4 o 5 minuti.

  • Digeribilità: Normale
  • Adatta ai celiaci: Sì
  • Valori nutrizionali per 100 g: Calorie: 339 kcal – Grassi 1,5 g – Carboidrati 51,7 g – Proteine 23,5 g – Fibre 12,5 g

Tipi di pasta: PASTA DI CECI

La pasta si può produrre anche con la farina di ceci, che è naturalmente gluten-free. La pasta di ceci è ricca di proteine e di fibre.

  • Digeribilità: Normale
  • Adatta ai celiaci: Sì
  • Valori nutrizionali per 100 g: Calorie: 336 kcal – Grassi 5,9 g – Carboidrati 44,3 g – Proteine 18,6 g – Fibre 15,5 g

Tipi di pasta: PASTA DI FAGIOLI

La pasta di fagioli fa parte anch’essa della categoria delle paste di legumi senza glutine. La pasta di legumi è più ricca di proteine rispetto alla pasta prodotta dai cereali. Esistono diverse varietà di fagioli e di pasta di fagioli. Troverete in vendita, ad esempio, la pasta di fagioli cannellini e la pasta di fagioli neri.

  • Digeribilità: Normale
  • Adatta ai celiaci: Sì
  • Valori nutrizionali per 100 g (fagioli neri): Calorie: 329 kcal – Grassi 2,1 g – Carboidrati 48,5 g – Proteine 22,0 g – Fibre 13,8 g

tipi di pasta

Quanta e quale pasta mangiare?

Ciascun tipo di pasta sopra descritto, nonostante le differenze nei valori nutrizionali, può essere utilizzato per cucinare un ottimo primo piatto, da condire con verdure, pomodoro fresco o con ricette più sfiziose. Si può anche sperimentare un nuovo tipo di pasta a diverso cereale o legume ogni giorno!

Ricordo che la chiave di volta di una corretta alimentazione è sempre la magica parolina “variazione”. Attenzione però, questo non vuol dire che mangiare, per esempio, tutti i giorni la pasta di semola di grano duro sia sbagliato: variare gli alimenti è importante e s’intende in senso generale per ogni categoria alimentare nella dieta nel suo insieme (dai primi ai contorni)!

Farlo all’interno di ogni singola categoria, in questo caso i primi, contribuisce a ravvivare la variabilità ed è sempre un bene, ma nel caso non ci si riuscisse, niente paura, la pasta può essere consumata per almeno un pasto al giorno, anche se tutti i giorni dello stesso tipo, senza rischi per la nostra linea.

Inoltre, ognuno di questi tipi di pasta può essere anche fatto in casa, comprando la farina corrispondente, e qui sorge il dubbio: ma quanta ne posso mangiare?

Teniamo presente che la pasta è un alimento ricco di carboidrati complessi. Nel contesto di una dieta equilibrata, i carboidrati rappresentano dal 45 al 60% delle calorie giornaliere. In Italia siamo soliti consumare un bel piatto di pasta a pranzo o a cena ogni giorno ed il quantitativo giusto è sempre intorno ai 100 g di pasta secca, variabili in base alle esigenze individuali.

Se la pasta è fresca o fatta proprio in casa, in genere il peso è maggiore perché è più ricca di acqua, per cui, per facilitare la proporzione ci si può regolare con il rigo del piatto, oppure tenere presente che lo scarto di peso è al massimo sui 50g, anche se molto dipende dal grado di idratazione dell’impasto.

Cosa aggiungere? Non vi resta che provare tutti i tipi di pasta di cui vi ho parlato e scegliere la vostra preferita!


[SCOPRI TUTTI GLI ARTICOLI DELLA DOTT.SSA VERONICA GIACHÈ]

Articolo a cura di Veronica Giachè 
Dietista specializzata in Scienze della Nutrizione Umana
Contatti: veronica.giach@gmail.com
Fb: Dott.ssa Veronica Giachè – Nutrizionista

Leave a reply

*