By Published On: 13/07/2020Categories: ItaliaTags: ,
Santo Stefano di Sessanio cosa vedere
Scorcio tra le vie di Santo Stefano di Sessanio

Santo Stefano di Sessanio fa parte dei Borghi più belli d’Italia ed è un piccolo paesino in provincia de L’Aquila.

Si trova all’interno del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e in posizione strategica per visitare il territorio circostante, tra paesini arroccati e natura.

Per questo è anche un punto d’appoggio ideale per tutti gli amanti della montagna, sia in estate che in inverno.

Oggi andremo alla scoperta di Santo Stefano di Sessanio e vedremo cosa fare, vedere e mangiare in questo bellissimo borgo medievale.

Santo Stefano di Sessanio cosa vedere

Come dicevamo, Santo Stefano di Sessanio è un piccolissimo borgo fortificato situato all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso.

Reso famoso dalla sua bellezza, questo luogo è diventato celebre in Italia e all’estero anche grazie ad alcuni film che lo hanno scelto come set delle riprese.

Si tratta infatti di un gioiello architettonico di epoca medievale, ancora oggi conservato molto bene, nonostante i danni riportati durante il terremoto de L’Aquila nel 2009.

Pur con i lavori per la ricostruzione ancora in corso, il borgo oggi accoglie un flusso costante di turisti che hanno permesso il rilancio delle attività locali e la valorizzazione del territorio.

Santo Stefano di Sessanio è anche meta di un turismo non convenzionale grazie a “Sextantio”, un progetto di albergo diffuso realizzato da Daniel Kihkgren, giovane imprenditore svedese.


Kihkgren ha acquistato una parte delle abitazioni abbandonate del centro storico e le ha rese una struttura alberghiera perfettamente integrata nell’architettura e nell’estetica del borgo.

Per visitare le principali attrazioni di Santo Stefano di Sessanio non dovrete fare altro che perdervi tra le sue viette di pietra calcarea bianca, con cui sono costruite sia le case che le strade.

Fino a qualche anno fa, la Torre Medicea dominava il panorama con la sua imponente forma cilindrica. Crollata a causa del terremoto del 2009, oggi la Torre cinquecentesca è in fase di ricostruzione, come la maggior parte del borgo (la famiglia De’ Medici dominò in questi luoghi dal 1579 al 1743 e ne influenzò l’architettura con diverse opere).

Tutto attorno alla torre si sviluppa in modo concentrico il paesino, tra scalinate ripide, piccole vie, cortili nascosti e case di pietra. Lungo il percorso si incontreranno:

  • la Porta Medicea,  il principale punto di accesso al borgo che riporta lo stemma della famiglia De’ Medici
  • Casa del Capitano e Palazzo delle Logge, residenza signorile con un elegante loggiato rinascimentale della metà del Cinquecento
  • la cappella di Santa Maria delle Grazie in Piazza Medicea, al centro del paese
  • la suggestiva chiesa della Madonna del lago, situata poco fuori dal centro sulle rive di un piccolo lago

Sfortunatamente alcuni di questi luoghi e chiese sono stati danneggiati dal terremoto e momentaneamente non visitabili, mentre altri sono stati restaurati per il progetto dell’albergo diffuso.

Cosa fare a Santo Stefano di Sessanio e dintorni

Santo Stefano di Sessanio si trova in prossimità dell’altipiano di Campo Imperatore, punto di partenza ideale per escursioni sia in estate che in inverno.

In primavera e in estate si possono praticare moltissime attività outdoor come uscite a cavallo, in bici, in ebike, visite guidate… In inverno invece sono attivi gli impianti sciistici che consentono di praticare attività sulla neve.

Un’altra attrazione molto nota a pochi chilometri dal borgo, è Rocca Calascio, uno dei castelli più elevati d’Europa (1.512 m). Tra queste rovine, sono stati girati alcuni celebri film come Lady Hawke, il Nome della Rosa, il Viaggio della Sposa e The American.

La rocca è raggiungibile con un’escursione di circa 40 minuti con due punti di accesso: un percorso sterrato più semplice e uno leggermente più impervio e roccioso.

Nello stesso punto, è possibile ammirare anche la bellezza della Chiesa di Santa Maria della Pietà, un piccolo tempio di forma ottagonale che domina la vallata in uno scenario davvero suggestivo.


Per finire, Santo Stefano di Sessanio è anche il punto di partenza ideale per fare escursioni e altre attività outdoor come passeggiate a cavallo, trekking someggiato a passo d’asino o uscite in canoa nel vicino fiume Tirino.

Santo Stefano di Sessanio ristoranti dove mangiare

L’Abruzzo è una terra d’abbondanza, dove la cucina tradizionale riflette la tradizione montana e rurale del passato.

Protagonisti assoluti della sua gastronomia sono salumi e formaggi, ma anche carne di pecora, da cui i famosi arrosticini.

A Santo Stefano di Sessanio, in particolare, il prodotto tipico sono le lenticchie, utilizzate per preparare ricche zuppe di cerali e legumi e altri piatti tipici e gustosi.

Il borgo è molto piccolo, ma ci sono diversi ristoranti che potranno accogliervi con i loro piatti e farvi assaporare tutta la bontà della cucina tipica di questi luoghi con prodotti fatti in casa e ingredienti a km 0.

Io ne ho provati diversi, qui sotto vi lascio alcuni riferimenti!

Santo Stefano di Sessanio ristoranti
Ristorante a Santo Stefano di Sessanio

La Locanda sul Lago

Ristorante e Bed&Breakfast, La Locanda sul Lago sorge proprio sulle rive del piccolo lago di Santo Stefano di Sessanio, con coperti sia al chiuso che all’esterno nello spazio del giardino e della pineta.

Tutti i piatti proposti sono legati al territorio e realizzati con prodotti locali e della tradizione, ma vengono interpretati in chiave moderna e innovativa.

Garantite porzioni abbondanti, con sapori intensi ma raffinati al tempo stesso.

Residence il Palazzo

Un tempo antica stazione di scambio posta, oggi questa struttura, completamente ristrutturata, offre sia alloggio che piatti tipici della cucina dell’entroterra abruzzese.


A predominare a tavola nel menù proposto dal Residence il Palazzo sono i sapori semplici e ricchi della tradizione povera e contadina: legumi, zuppe, carni, grani autoctoni e lo zafferano locale.

Ottima la carne alla brace, così come i salumi, i primi e i dolci fatti in casa.

L’Elisir del poeta

Un piccolissimo ristorantino al limitare del borgo, L’Elisir del poeta ha pochissimi coperti e un’atmosfera davvero intima.

Oltre al servizio di ristorante (indispensabile la prenotazione, visti i pochi posti a sedere), offre anche il servizio di panini e colazioni da asporto.

Io ho provato proprio la colazione tipica del posto, un misto di dolce e salato a base di dolce fatto in casa, pane e olio, frittata, formaggio di pecora e salsiccia.

Abbondante e deliziosa, grazie ai prodotti semplici e genuini impiegati in tutte le preparazioni.

O-Vino

Se cercate qualcosa di diverso da un ristorante ma volete comunque provare i sapori e i prodotti tipici del posto, O-Vino è quello che fa per voi.

Una bottega che vende salumi, formaggi, tartufi, birre artigianali e altre prelibatezze con cui fare un pranzo o una cena veloce grazie alla formula tagliere o all’asporto (ottimi i panini caserecci con salumi e formaggi a scelta).

Si trova in pieno centro, nella Piazza medicea ed è un’ottima soluzione anche per chi vuole fare un pasto veloce mentre è di passaggio a Santo Stefano di Sessanio.

Ti potrebbe interessare anche