10 consigli per dormire bene

Dormire bene per vivere meglio

Dormire bene significa vivere bene, su questo non c'è dubbio. Molte persone soffrono di disturbi del sonno o hanno un debito di sonno, il che significa che non riescono mai a riposare bene fino in fondo, come il loro corpo richiederebbe. Questo si traduce in situazioni di disagio di vario tipo: stanchezza cronica, difficoltà a concentrarsi, scarsa memoria e vista affaticata, ma può portare anche, nei casi peggiori, a malattie cardiache e all'obesità.

Dormire bene invece consente di affrontare la giornata nel modo giusto, svegliandosi riposati e carichi di energie. Un buon riposo porta tutta una serie di benefici tangibili che si riflettono non solo sulla propria condizione fisica, ma anche sulla propria produttività: risvegliarsi dopo una bella dormita aiuta senza dubbio a essere di buon umore e ad andare al lavoro più volentieri.

Ma quanto bisogna dormire? Per gli adulti la giusta quantità di sonno è di 7-8 ore a notte. Ogni tanto capita a tutti di fare le ore piccole, ma l'importante è recuperare quel sonno la sera successiva o con un riposino pomeridiano. Il pomeriggio sarebbe meglio non dormire più di 15-20 minuti, altrimenti si entra in fasi di sonno profonde e ci si sveglia più storditi di prima.

Photo credits: Emma-Materasso

Consigli per dormire bene

Se non vi sentite soddisfatti dalla qualità del vostro sonno e cercate dei piccoli rimedi per dormire meglio, ecco qui 10 consigli per dormire bene:

1. Avere orari regolari

La prima buona regola per dormire bene, è quella di dare al vostro corpo delle abitudini regolari. Cercate di andare a letto e svegliarvi sempre alla stessa ora, almeno durante la settimana. Se vi abituerete ad andare a dormire alle 23 per svegliarvi alle 7, per esempio, avrete 8 ore piene di sonno a vostra disposizione e il vostro corpo ringrazierà.

2. Creare un ambiente confortevole

Vi siete mai soffermati sull'ambiente che vi circonda? La camera da letto deve essere un luogo tranquillo e rilassante, il vostro piccolo tempio del riposo. Per creare un ambiente ideale in cui dormire dovete partire dal colore delle pareti: scegliete tinte tenui come il grigio, il beige, il rosa chiaro o il lilla e in generale i colori pastello.
Stesso discorso per gli arredi, meglio in colori neutri e naturali (bianco, legno...). Per aiutarvi a creare un'atmosfera rilassante potete accendere qualche candela con oli essenziali che aiutino ulteriormente il processo di rilassamento.

3. Scegliere il materasso giusto

Non si può pensare di dormire bene su un materasso vecchio e sformato che non sostiene il corpo nel modo giusto! I materassi moderni sfruttano le tecnologie più innovative per garantire un sonno migliore: questo è il caso di Emma-Materasso, un marchio nuovo sul mercato italiano che sfrutta l'esperienza delle imprese artigianali tedesche.

Il design innovativo di Emma permette un'esperienza di sonno ottimale, indipendentemente dal tipo di corpo e dalle proprie abitudini. La composizione dei materiali di alta qualità infatti assicura un affondamento progressivo ed elastico: questo permette una regolazione ideale e su misura per ciascun corpo.

Lo strato superiore inoltre è prodotto con schiuma Airgocell®, materiale traspirante ed ergonomico a cellule aperte sviluppato appositamente per consentire la circolazione costante dell’aria e garantire un’eccezionale adattabilità alla pressione del corpo indipendentemente da peso e statura, donando contemporaneamente tutto il sostegno necessario.

Emma-Materasso offre la consegna gratuita e, se entro le prime 100 notti non sarete soddisfatti del vostro acquisto, potrete addirittura restituirlo gratuitamente e ottenere un completo rimborso della spesa! Suona incredibile? Invece è proprio così, Emma oltre a farvi risparmiare tempo sull'acquisto, vi tutela al 100% e vi offre la possibilità di provare il materasso direttamente a casa vostra. Una volta confermata la scelta, avrete una garanzia di 10 anni che continuerà ad assistervi per qualsiasi problema.

Scommettiamo che non potrete farne più a meno? Il materasso Emma diventerà il vostro “assistente” personale per un sonno salutare e rigenerante!

Photo credits: Emma-Materasso

4. Fare esercizio fisico

Se avete difficoltà a prendere sonno forse è perché non percepite abbastanza la stanchezza fisica: questo succede facilmente sopratutto se si fanno lavori sedentari. Per questo è molto utile fare un po' di attività fisica ogni giorno, perché al di là di tutte le valide ragioni di salute, aiuterà anche ad arrivare alla sera con un po' di sana stanchezza che coniuga un sonno profondo e rigenerante.

5. Fare una cena leggera

Sarà successo a tutti almeno una volta di stare male di notte e non riuscire a dormire per via di quello che si era mangiato a cena: senza arrivare a situazioni estreme, basti pensare che la nostra alimentazione ha un impatto fondamentale sulla qualità del nostro sonno. Un buon consiglio è quello di mangiare sempre una parte proteica (carne alla griglia, pesce lesso o al forno...) con un contorno di verdura di stagione (per la digeribilità meglio quella cotta) e un po' di pane.

Non bisogna esagerare con la quantità in nessuno dei due sensi: mangiare troppo vi farà sentire gonfi e appesantiti con rischio di bruciori e acidità di stomaco; ma anche mangiare troppo poco vi terrà svegli con i morsi della fame!

 6. Non bere caffè dopo le 18

Non fate finta di non saperlo: se bevete troppo caffè poi non lamentatevi di non riuscire a dormire! Durante la giornata non bisognerebbe bere più di 1-2 caffè e sopratutto non dovreste berlo dopo le 18, o si rischia di arrivare al momento di dormire con gli occhi ancora sbarrati.

7. Bere tisane calde

Per facilitare il processo di rilassamento, si posso provare una serie di soluzioni, da sole o combinate. Bere qualcosa di caldo è sicuramente un'ottima strategia, perché aiuta i muscoli a distendersi e allevia lo stress. Scegliete tisane naturali a base di frutta e erbe, evitate invece tè e altre piante con principi eccitanti!

8. Leggere un buon libro

Leggere è sempre un'ottima abitudine, e visto che durante il giorno raramente si ha tempo libero da dedicare a questa attività, potete ritagliarvi un'oretta prima di dormire. Potete leggere direttamente a letto, così vi rilasserete e sarete pronti a spegnere la luce e lasciarvi andare non appena il sonno sopraggiungerà!

9. Spegnere il telefono

Tenere il telefono acceso nelle ore notturne è una pessima abitudine per diversi motivi: vi distrae con la vibrazione delle notifiche; se vi svegliate nel cuore della notte sarete inevitabilmente tentati di buttarci un'occhio; vi espone inutilmente a radiazioni che potrebbero essere evitate.

Il segreto quindi? Lasciate sul comodino il telefono fisso per le emergenze e spegnete lo smartphone: almeno la notte concedetevi una pausa dal lavoro e dai social network!

10. Provare esercizi di rilassamento

Se siete nel letto che vi girate e rigirate in preda a mille pensieri e proprio non riuscite a spegnere il cervello, provate con dei semplici esercizi di rilassamento da fare direttamente nel letto. Mettetevi a pancia in su con gli occhi chiusi e le mani lungo i fianchi. Iniziate a percepire il vostro corpo nella sua totalità facendo dei respiri profondi con il diaframma. Partite dalle punte dei piedi e pensate "queste sono le dita dei piedi e adesso le rilasserò". Procedete così per ogni parte del corpo risalendo dai piedi verso la testa (piedi, caviglie, polpacci, cosce, pube, pancia, schiena... Fino ad arrivare al viso rilassando naso, occhi, bocca, guance, orecchie). Non tralasciate nulla e alla fine sarete realmente rilassati e pronti per dormire.

Ti è piaciuto questo post? Leggi anche [10 CONSIGLI PER UN RISVEGLIO PIÙ ENERGICO]

Photo credits: @easyinterieur

Leave a reply

*