Sign in / Join

"Con il nastro rosa": il mio contributo al progetto

La scorsa settimana vi ho parlato di un bellissimo progetto a cui ho preso parte in questo mese speciale, che è il mese della prevenzione del tumore al seno. Ho dedicato all'argomento un post con tutti i dettagli, nel quale vi spiegavo sia l'iniziativa Con il nastro rosa – Italian bloggers united che gli step da seguire per monitorare il proprio corpo e agire in caso di sospetti. Ebbene, vi ho anche detto che ciascuna delle blogger aderenti ha contribuito alla causa pubblicando un contenuto sul blog Non conto fino a dieci, dove Dorortea sta portando avanti un'iniziativa di sensibilizzazione che proseguirà per tutto il mese.
Oggi però ci tenevo a pubblicare il mio lavoro anche qui sul mio blog, in modo da condividerlo con un maggior numero di persone...E' un pensiero che ho scritto col cuore, una riflessione sentita e che mi tocca profondamente. Credo nelle donne, nella loro forza e determinazione e mi auguro che un giorno ognuna possa rendersi conto del mondo che ha dentro (e fuori) di sé. Un mondo che può far male, che può rendere più fragili, ma il passo successivo deve essere quello della consapevolezza: consapevolezza di sé a partire dal proprio corpo, dalla propria esperienza e dal proprio vissuto. Per cui ragazze non siate timide, tenete d'occhio il vostro seno e se dovesse servire, trovate tutte le informazioni necessarie sul sito della   LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori).

Non ho mai pensato che essere donna fosse semplice, a volte ho creduto che nascere uomo sarebbe stata la strada più breve per arrivare alla meta. Venire al mondo donna significa vivere una sfida continua, dovendo dimostrare giorno dopo giorno chi siamo e quanto valiamo; tutti staranno lì a preoccuparsi della nostra fragilità, molti saranno spaventati dalla nostra forza, nessuno scommetterà sul nostro coraggio. E allora? Proprio per questo so che ci sarà da lottare, e anche se le sconfitte saranno amare, le vittorie saranno ancora più dolci, perché lungo il percorso non avrò trovato alcuna strada già spianata. Le mie eroine sono le donne che ce l’hanno fatta, quelle che, contro tutto e tutti, si sono prese i propri diritti e si sono guadagnate un pezzo di storia, un ricordo immortale. Le mie eroine non sono quelle nei libri, ma sono quelle che i libri li hanno scritti; sono le donne intelligenti, intraprendenti, profonde e a tratti frivole, ironiche, appassionate, che giorno dopo giorno arricchiscono il mio mondo. Una foto, dei libri, dei libri di donne, di grandi donne, e un nastro rosa: perché la lotta non è ancora finita.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

P.s. Volete contribuire anche voi al progetto Con il nastro rosa – Italian bloggers united? Ovviamente a noi farebbe moltissimo piacere e ci aiutereste a diffondere la voce per questa nobile causa! Ecco come potete unirvi al nostro team: immortalate il vostro nastro rosa su Instagram e condividetelo con gli hashtag #conilnastrorosa e #conilnastrorosateam. Le foto verranno raccolte e pubblicate sulla pagina facebook di Non Conto Fino A Dieci. Aderite e diffondete!

 

13 comments

    • Federica 12 ottobre, 2013 at 18:56 Rispondi

      Grazie tesoro <3 Per me è molto importante ricevere un feedback anche su questa cosa, perché è ciò che punto a fare nella vita (scrivere, ovviamente!) :*

Leave a reply


*